AN INITIATIVE OF 

EXCHANGE THE WORLD

Equità nelle opportunità

February 19, 2018

Equità nelle opportunità

ASOCIACION AZUL SOLIDARIO

Azul | Argentina

-

Ashoka Argentina ha mandato una mail ai diversi changemakers chiedendo chi avesse avuto interesse a incontrarci. Veronica ha risposto quasi subito, invitandoci a fare colazione nella sua bella casa ad Azul - una piccola città ad un giorno di autostop da Buenos Aires.

 

Sono venuta ad Azul da Buenos Aires dopo essermi sposata, molti anni fa - racconta Veronica Torassa, fondatrice di Asociacion Azul Solidario -. Ciò che ha attirato la mia attenzione è che qui le persone si salutano. Nelle grandi città non succede mai! Quando ero molto giovane, ero io a salutare tutti e mia sorella odiava questa cosa. La gente ci scambiava l’una per l’altra e cosi lei era obbligata a salutare. Mi diceva: Falla finita! Quando sono venuta qui e tutti mi dicevano “Buongiorno!”, “Ciao!” ho pensato: è incredibile, questo è il posto per me!

 

Ed in effetti ha trovato il suo posto in Azul.

 

Quando sono arrivata ad Azul, sono andata in un piccolo mercato, vicino a casa nostra. A Buenos Aires ero stata volontaria in un ospedale per bambini. Ho chiesto all'uomo del mercato:

- C'è un ospedale per bambini ad Azul?

- Sì.

Ok. Sono andata all'ospedale, ho aperto la porta, ho incontrato una donna, che in seguito è diventata una mia buona amica, e ho detto:

- Mi sono appena trasferita ad Azul, voglio dare una mano laddove possibile.

- Vieni.

Mio marito stava aspettando in macchina e mi sono completamente dimenticata di lui. La donna ha iniziato a presentarmi a molte persone, abbiamo improvvisato una riunione e tutto ad un tratto ho visto spuntare dalla porta la testa di mio marito, che mi cercava. Ha aspettato in macchina più di un'ora.

 

Già dopo queste poche righe puoi provare a immaginarti Veronica: una donna minuta e un po' pazza, un po’ sotto la settantina, piene di energia contagiosa. Parla del suo modo di agire come se fosse la cosa più naturale: "Ho semplicemente chiesto all'uomo del mercato… ". E questo è solo l'inizio.

 

È così che ho iniziato, facendo volontariato nell'ospedale pediatrico. Allo stesso tempo ho lasciato il mio CV in diverse scuole. Ho ottenuto la posizione di insegnante di sociologia nell'istituto per insegnanti di ginnastica. Sociologia con i loro studenti, il lunedì mattina, alle 7.30. Immagina. Ma il destino ... Le 4.30, il primo giorno di lavoro mio marito mi portò alla stazione degli autobus, dopo alcuni cambi ho raggiunto la scuola. Tutti i ragazzi mi aspettavano dormendo. Ma sulla strada ho visto un edificio molto particolare e ho chiesto all'autista:

- Cos'è quello?

- Quella è la prigione.

Molto interessante. Sulla via del ritorno sono uscita dall'autobus e sono andata alla prigione. Ho detto:

- Eccomi qua, sono una sociologa. Voglio imparare.

Ho iniziato ad aprile come volontaria e in novembre mi hanno offerto un contratto di lavoro. Sono rimasta per 5 anni.

 

Sembra che un sacco di cose nella vita di Veronica finiscano tanto velocemente quanto iniziano, cosi è stato anche per l'avventura con la prigione.

 

In quegli anni avevamo enormi problemi in Argentina. Io lavoravo solo con prigionieri comuni, mai politici. Ma un giorno, nel settembre del 1978, mi è stato chiesto di intervistare un veterinario. Era un prigioniero politico. Secondo me doveva essere liberato. Il capo della prigione mi ha chiesto:

- Puoi cambiare un po' l'opinione? È un po’ troppo … precisa.

- Mi stai chiedendo di cambiare ciò che ho scritto?

- Sì, non puoi semplicemente dire che deve essere liberato.

- No, no, no. Non solo non cambio ciò che ho scritto, lascio questo posto.

Sono tornata a casa e ho detto a mio marito: non ho più il lavoro. Era uno stipendio importante, avevamo già una seconda figlia, non è stato facile.

 

Veronica è tornata in ospedale come volontaria e presto il direttore le ha proposto di creare un programma di prevenzione per il sistema sanitario pubblico. Sebbene non avesse la minima idea sulla medicina, iniziò a studiare e alla fine creò il primo programma di prevenzione che comprendeva vaccinazioni, controlli regolari, ecc. Ma non era l'unico campo in cui era attiva.

 

Mio marito era un consulente di un'associazione di agricoltori. Ogni 4 anni organizzavano un congresso nazionale. Nel 2004 aveva il motto "Un’atra Argentina è possibile". Sembrava stimolante, ho deciso di aderire. Parlavano molto di istruzione, in particolare della scuola secondaria dedicata all'agricoltura. Quando siamo tornati ad Azul ho iniziato a pensare: aspetta un attimo, non abbiamo una scuola secondaria sull'argomento in Azul. E noi siamo una zona rurale! Dovremmo assolutamente crearne una. Mio marito ha detto: un'altra delle tue idee, no, basta! Comunque, il lunedì seguente sono andata all'ufficio per l’educazione del comune e ho parlato con il responsabile. Mi sono anche interessata ad altre scuole. Sapevo qualcosina su quelle della città di Azul, ma nulla sulle scuole delle zone rurali. Quel signore mi ha mostrato una mappa di 31 scuole, 14 delle quali in città. 31?! [Il comune di Azul ha 65 mila abitanti, il 90% dei quali risiede in cittá] Come mai? Cosa succede?

 

Veronica ha scoperto che la maggior parte di quelle scuole è molto piccola, solo pochi studenti e inoltre sono molto lontane l'una dall'altra. Ne è rimasta intrigata.

 

- Cosa imparano?

- Beh, molto poco, a leggere e a scrivere.

- E che altro? Niente palestra?

- Nessuna palestra

- Inglese?

- Niente inglese.

- E quanti studenti sono tutti insieme?

- 300.

Non molti, ma per me uno è abbastanza per interessarmene.

- Ma perché non hanno educazione fisica?

- Per avere un insegnante devono essere almeno 15-20 studenti.

Ok, ragioniamo sui numeri. Ho iniziato ad analizzare quanti bambini ci sono nelle scuole e quali sono abbastanza vicine da unirsi almeno una volta alla settimana, cosi posso dire al Ministero: qui abbiamo 20 studenti, vogliamo un insegnante di ginnastica, un insegnante d'arte, ecc. Oggi, dopo molti anni di lavoro, solo 3 di queste scuole sono fuori della nostra rete.

 

Tutto ciò è stato possibile grazie a un lavoro molto duro e persistente.

 

Dopo aver diagnosticato la situazione di quelle scuole che erano molto isolate, con un piccolo numero di studenti, ho iniziato a parlare con loro per vedere quali potessero essere riunite. Ma come sostenere finanziariamente questa idea, trovare denaro per il trasporto? Ho parlato con il sindaco, un ragazzo molto giovane: “Non sono voti, dal punto di vista politico non sono interessanti. Ma sono bambini. I figli di Azul”. Lui ha parlato con il governo locale. Hanno concesso che l'1% di quello che gli agricoltori pagano in tasse venga dedicato al trasporto dei bambini. Abbiamo iniziato con il primo gruppo di scuole, poi il secondo, il terzo. Quando siamo arrivati al numero quattro, il denaro era finito. Sono andata alla Provincia chiedendo di più, avendo dimostrato il concetto. Sono sempre stata una volontaria, mio ​​marito ha detto: fai quello che vuoi, mi posso permettere la tua auto e il carburante. Ero molto grata, il mio stipendio ospedaliero non era abbastanza. Dopo 5 anni, a 60 anni, ho deciso di andare in pensione e mi sono dedicata completamente a questo.

 

Improvvisamente un esercito di formiche ci ha attaccato. Eravamo sulla terrazza, gustandoci la tipica colazione argentina - cafè con facturas, caffè con mini-cornetti -. Completamente persi nella conversazione, non ci siamo accorti che milioni di formiche avevano circondato noi e il cibo sul tavolo. Veronica in pochi secondi a preso il controllo della situazione, pulendo il tavolo e invitandoci nel giardino, dove abbiamo continuato questo incredibile viaggio.

 

Abbiamo organizzato molte attività per i ragazzi, sport, arte, circo, ecc. Molti di loro venivano trasportati in altri villaggi dalle madri, che poi dovevano aspettare quattro ore perche finissero le lezioni, senza fare nulla. Incredibile. Ho iniziato a pensare cosa potessero fare, cosi che usino il loro tempo, imparino qualcosa e guadagnino qualche soldo? In questa zona abbiamo molte pecore. Ho iniziato a chiedere della lana e ho convinto un'insegnante ad insegnare alle madri come tessere. Abbiamo iniziato nel 2007. Al momento abbiamo molti prodotti, che vendiamo attraverso diversi canali.

 

Un'altra sfida che Veronica si è presa in carico è stata l’informatica. Nessuno voleva fornire insegnanti di informatica ai bambini nelle aree rurali. A quel tempo nemmeno i ragazzi delle città avevano accesso a questo tipo di istruzione. Ma Veronica, come sempre, non ha accettato un no per risposta.

 

Insegnavo all'università, cosi ho chiesto ai miei studenti chi avesse voluto insegnare informatica nelle aree rurali. Molti si sono offerti volontari. Poi sono riuscita ad ottenere computer di seconda mano da un'organizzazione chiamata Equity Foundation. Ok, ora Internet. Sono andata in provincia con mio marito e i rappresentanti locali dell'istruzione. Ci hanno chiesto:

- Davvero volete Internet in campagna?

- Sì. I ragazzi devono essere connessi.

- Perché?

In quel periodo eravamo stati nominati Città di Cervantes, perché abbiamo una delle più grandi collezioni di Don Chisciotte.

- Perché siamo l'unica Città di Cervantes in Argentina e voglio che i nostri studenti si mettano in contatto con i ragazzi in Spagna per scoprire di più su Cervantes e che gli studenti spagnoli conoscano gli autori argentini.

Mi è venuto in mente cosi. Mio marito mi ha guardato: “Dove l'hai presa questa?” Immagino che i politici si siano incuriositi su cosa stesse succedendo in Azul.

- Ok, ci pensiamo.

Era il 27 novembre, non lo dimenticherò mai. Poi sono andato da mia figlia per Natale. Il 23 dicembre, mi hanno richiamata.

- Veronica Torassa?

- Sì.

- Sono un ingegnere. La chiamo per farle sapere che a febbraio metteremo Internet in tutte le scuole di Azul.

Ho iniziato a gridare. Mia figlia pensava che fossi impazzita.

 

Ma non era ancora abbastanza ... Durante i seguenti anni Veronica è riuscita a portare alcuni studenti di Azul in Spagna e ad invitare ragazzi spagnoli a casa sua, avviando collaborazioni tra varie scuole dei due paesi. Il prossimo grande passo sarà replicare questo sistema. Non è facile, le scuole nelle zone rurali non sono interessanti per coloro che gestiscono i soldi. Ma Veronica è inarrestabile. Qualunque cosa le venga in mente, prima o poi diventa realtà. Lei era così fin da bambina.

 

Mi innamoravo delle cose, ma ero anche molto persistente. Quando qualcosa mi attrae tiro dritto.

 

La persistenza è molto importante, ma non è l'unica cosa necessaria se vuoi creare un cambiamento.

 

Devi lavorare sulla capacità di frustrazione. Se hai una capacità di frustrazione molto bassa non supererai mai le avversità, e le avversità sono ovunque. Certo, è più facile quando si é in due. Ecco perché mio marito è cruciale. È sempre presente, alle mie spalle, a supporto. Sempre lì per dire: Tranquila!

 

Oggi suo marito è il sostegno principale, ma molti, molti anni fa, un'altra persona con una sola decisione ha cambiato il corso della sua vita.

 

Ero molto difficile, una bambina birichina. Una leader forte, ma nella direzione sbagliata. Andavo in una scuola cattolica e li eravamo divisi in tre gruppi: blu, rosso e giallo. Ogni gruppo ha il suo capitano, scelto dalle suore. Nel novembre del 1964, davanti a 1000 alunni, annunciarono:

- Il prossimo capitan rosso sarà Veronica.

- Veronica?!?!

Penso che abbiano preso un'ottima decisione. Sorella Francise, lei era l'unica che si era resa conto che la mia vita dipendeva – mi emoziono molto ogni volta che ne parlo, anche se sono passati tanti anni - la mia vita è dipesa da come ho saputo gestire la mia predisposizione alla leadership e lei mi ha spinto sulla giusta strada.

 

Suor Francise le diede un'opportunità. E alla fine questo è ciò che conta: dare opportunità, indipendentemente dal fatto che le persone le colgano o meno.

 

L'obiettivo è offrire equità di opportunità. Non so se i bambini delle zone rurali continueranno a studiare, ma almeno hanno le stesse possibilità. Non saremo tutti uguali ma possiamo avere le stesse opportunità.

Maggiori informazioni: www.facebook/Asociacionazulsolidario

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload