AN INITIATIVE OF 

EXCHANGE THE WORLD

Sui pirati e l’inclusione

December 13, 2017

Sui pirati e l’inclusione

Chefs Especiais

Sao Paulo | Brazil

-

Chef Especiais - una scuola di cucina per persone affette da sindrome di Down e una caffetteria – è nata perché Simone e suo marito sentivano il desiderio di restituire qualcosa al mondo ed esprimere la loro gratitudine per avere figli sani, un lavoro, un casa ... cose che molti di noi danno per scontate.

 

Abbiamo iniziato a pensare a cosa avremmo potuto fare - racconta Simone -. Dodici anni fa c'erano alcune organizzazioni che lavorano con i poveri, ma per le persone con disabilità non c’era niente. Abbiamo deciso di lavorare con loro. Abbiamo iniziato con persone con sindrome di Down e da li non ci siamo più fermati. All'inizio ci limitavamo ad avvicinare persone per strada, invitandole alle nostre attività. Alcuni venivano, altri no. Oggi abbiamo 300 studenti all'anno e abbiamo una lunga lista d'attesa.

 

L'approccio di Simone ha funzionato, anche se (o,forse, proprio perché) é molto diverso da quello standard.

 

Mi sono sempre mossa in maniera indipendente, non volevo fare le cose nel solito modo. Ad esempio la gente mi chiede se abbiamo uno psicologo. No, qui non c’é nessuno psicologo. Questa è una scuola di gastronomia. Abbiamo bisogno di chef per insegnare, non di psicologi. Penso che sia il motivo per cui otteniamo buoni risultati. Qui non aiutiamo le persone, le rafforziamo.

 

Potenziare e creare inclusione.

 

Il logo del nostro business sociale è un teschio con un cappello da chef e una tazza di caffè. Perché un teschio? Il teschio è simbolo di uguaglianza universale. Il cranio non ha colore, non ha religione. È neutro. Sei grasso o magro ... hai comunque lo stesso cranio. Tutti ne abbiamo uno. Lavoriamo sull'inclusione e l'uguaglianza per tutti. Anche per quelli con sindrome di Down, che anche loro hanno un cranio come chiunque altro.

 

Uguaglianza e inclusione significano avere gli stessi diritti, ma anche gli stessi doveri.

 

Quando viaggio per programmi TV o qualcosa del genere porto sempre con me due studenti. Non usiamo mai la corsia preferenziale. Se avessi qualcuno malato lo farei, ma non è il loro caso. Una volta uno dei ragazzi mi diceva in continuazione: "Là, là! La nostra coda". Gli ho detto che noi lottiamo per l'inclusione. Ecco, questa è inclusione. Facciamo la fila come tutti gli altri.

Le stesse regole si applicano nella nostra scuola. Qui non c'è spazio per quelli che non c’hanno voglia. Abbiamo posto solo per coloro che si impegnano a fare del loro meglio. Sia in cucina che nella loro vita privata. Lo ripetiamo in continuazione. E le famiglie sentono la differenza. Mi dicono che i loro figli sono diversi quando escono da qui e trasferiscono questo nuovo modo di essere a quelli che vivono con loro.

 

Per fare del tuo meglio e cambiare la tua vita devi prima credere in te stesso.

 

Lavoriamo molto sulla loro autostima. Ho uno studente che ripete tutto il tempo: "Non ce la faccio". E  noi gli rispondiamo sempre: "Sì, ce la fai". A casa hanno imparato a considerarsi non capaci. Noi gli diciamo che possono fare qualsiasi cosa, e se non ce la fanno ci provano ancora e ancora finché non gli riesce. Noi siamo qui per aiutarli. E celebriamo i loro successi! Cosi, iniziano a sentirsi importanti. In questi 11 anni la maggior parte di quelli che sono venuti non avevano mai aperto un uovo in vita loro. Le madri non glielo lasciano fare perché pensano che farebbero casino. Sai quanti studenti hanno fatto cadere un uovo per terra? Uno. Tra tutti quelli che sono passati di qui e non avevano mai aperto un uovo prima. Uno. Perché sono attenti, e noi siamo li a guidarli. Questo crea il cambiamento. Lavoriamo molto anche sui genitori. Non può essere che qui cucinano e poi vanno a casa e non gli è permesso di fare nulla. Abbiamo bisogno anche del sostegno delle famiglie.

 

Chef Especiais lavora con persone affette da sindrome di Down, le loro famiglie, ma anche tutti i tipi di persone che visitano il loro caffè.

 

Per me inclusione è inclusione. L'inclusione è per tutti, non solo per quelli con disabilità. Abbiamo aperto il primo caffè inclusivo in Brasile; molti dei camerieri sono persone con sindrome di Down. È in una delle vie principali di San Paolo, dove passano persone di tutti i tipi: donne, bambini, gay, persone piene di tatuaggi, motociclisti. Chiunque. I personaggi più strani, qui li trovi. Questo è quello che voglio, voglio che sia un luogo di vera diversità. Non vogliamo fare le cose come le fanno gli altri. Cerchiamo sempre di essere diversi.

 

Essere diversi ed uscire dalla zona di comfort.

 

Penso che le persone non debbano aspettare di vincere la lotteria per avere finalmente i soldi per fare qualcosa. Abbiamo quest’abitudine di scappare, trovare scuse per evitare di uscire dalla nostra zona di comfort. Quando abbiamo iniziato, lavoravamo con il supporto della comunità. Non sono ricca. Usavo i miei soldi, le mie risorse, chiedevo agli amici ... e siamo sempre riusciti a fare ciò che volevamo. Ci facevamo prestare i locali e quando non ci riuscivamo lo facevamo a casa. Dipende tutto dalla volontà di raggiungere il tuo obbiettivo. Dal fare il primo passo. Quella è la parte difficile. Una volta fatto, il resto viene di conseguenza. Anche nella situazione più complicata non dispero, perché so che qualcosa prima o poi succede.

Maggiori informazioni su Chefs Especiais: chefsespeciais.com.br 

 

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload