AN INITIATIVE OF 

EXCHANGE THE WORLD

Ogni giorno è importante

Iniziativa: LITTLE PEOPLE

Città: Romania

Stato: Cluj

-

Forniamo supporto psicologico ai bambini malati di tumore negli ospedali - dice Oana Rusu, Operation Manager. Lavoriamo con 170 volontari preparati e coordinati da specialisti: psicologi, sociologi. Ogni bambino diagnosticato con cancro in Romania può beneficiare dei nostri servizi.

 

Little People è un'organizzazione riconosciuta, impegnata nel supportare bambini malati di cancro. Ma il loro lavoro non finisce negli ospedali.

 

Abbiamo costruito una comunità di sopravvissuti al cancro, unica in Europa. Abbiamo iniziato a Cluj-Napoca con due sopravvissuti e ora ne abbiamo 400 in tutta la Romania.La comunità é diventata famosa anche all'estero, la gente viene da altri paesi per imparare. È molto importante dare voce ai sopravvissuti, offrirgli uno spazio per parlare, per essere ascoltati, per discutere dei loro diritti.

 

E per sostenere coloro che ancora sono in cura. Diventare un sopravvissuto è una grossa motivazione per gli altri bambini a continuare a lottare.

 

È veramente importante vedere qualcuno che ha vissuto la stessa esperienza e può dirti com'è andata. I sopravvissuti sono impressionanti e incentivarli è una parte cruciale del nostro lavoro. Ogni anno abbiamo due eventi principali per i sopravvissuti: un campo e il gala di Natale. Mostriamo le foto degli eventi ai bambini negli ospedali, vogliono unirsi, vogliono diventare sopravvissuti. Alcuni di loro si conoscono, si sono incontrati negli ospedali, quando stavano ancora in piena lotta. Vedendoli, circondati da altri in uno scenario totalmente differente, celebrando la loro vita ... questo è un miracolo.

 

Questo miracolo è stato possibile grazie ad una persona che ha creduto che le cose potessero essere diverse.

 

Katie Rizvi e suo marito sono arrivati a Cluj-Napoca nel 1996. Lei vide dei bambini in un istituto oncologico, e decise di aiutare per alcuni mesi. Dopo sei mesi si è resa conto che c'era molto lavoro da fare. Ha iniziato a collaborare con l'università di psicologia di Cluj, ha formato i primi volontari. Hanno iniziato ad aiutare i bambini a capire le procedure, il dolore, gli ha insegnato ad esprimere i propri sentimenti, a prepararli per tornare in società. È cresciuto tutto rapidamente, le persone ne sono rimaste colpite. Nel 2008 abbiamo iniziato ad riproporre il servizio in altre città.

 

Sebbene l’inizio non sia stato dei più semplici.

 

Il punto è l’apertura mentale. Katie all'inizio aveva parlato con un dottore, raccontando la sua visione e il dottore le disse che era una grande sognatrice, non credeva nella sua idea. Ma dopo un po' di tempo è dovuto tornare su sui passi e ha detto: “Devo scusarmi, quando ti ho sentito parlare di questo progetto ho pensato che tu fossi così giovane, un sognatrice, ma hai dimostrato che è possibile, tutto ciò che mi hai detto è diventato realtà”. E in questa realtà trattiamo seriamente il nostro lavoro, abbiamo contratti con ospedali, ma anche con volontari. Questi firmano un contratto per un anno e vengono due volte alla settimana per due ore.

 

In realtà non è una passeggiata diventare volontari.

 

Bisogna rendersi conto quanto sia importante la sicurezza dei bambini. Non è che uno un giorno si sveglia e decide di fare qualcosa di buono. Se pianti un albero, cresce, se poi ti stanchi di averne cura, si secca; puoi dire che ti dispiace e finisce li. Ma un bambino è così vulnerabile, noi non giochiamo con la sua sicurezza. Hai una responsabilità sulla vita di una persona, è troppo importante. Ecco perché i volontari seguono un processo di selezione professionale e piuttosto difficile. Ci devono inviare una lettera di intenti, il loro CV, li intervistiamo per vedere se sono adatti alla nostra organizzazione. Se vengono selezionati, seguono corsi di formazione per circa tre mesi e solo successivamente vanno in ospedale e incontrano i bambini. Molti di loro provengono da università di psicologia, hanno conoscenze e competenze specifiche per aiutare quei bambini in situazioni molto particolari. Insegnare loro come inghiottire una pillola, parlare del loro corpo, comunicare. Abbiamo volontari eccezionali. In ogni città abbiamo un profilo leggermente diverso. Per esempio a Bucarest, la capitale, abbiamo un sacco di persone che sono professionisti in diversi settori, manager, contabili. Li abbiamo accettati perché ne abbiamo capito il potenziale. È importante anche che i bambini siano in contatto con personalità differenti e che possano imparare cose diverse da persone diverse.

 

Se durante il training ti rendi conto che lavorare direttamente con i bambini è emotivamente troppo difficile per te, puoi comunque aiutare in molti altri modi, come con la raccolta fondi, la creazione del materiale per i programmi o nel marketing. Ma qualunque sia il lavoro che fai, i bambini sono sempre al centro dell'attenzione.

 

Abbiamo il programma "Non ho paura", con un audace leone che sprona i bambini a lottare e ad avere coraggio. Non possiamo dimenticare che, in fin dei conti, sono bambini, non possiamo aspettarci che si comportino da persone adulte. Giocare è il linguaggio dei bambini, quindi giochiamo con loro, ma dietro ad ogni gioco c'è un programma molto strutturato che aiuta a convincerli a prendere una pillola o esprimere la propria paura. Quando vengono le prime volte è facile lavorare con loro. Ma sappiamo che quest’avventura contro il cancro significa molta chemioterapia, molti passaggi in ospedale, abbiamo bisogno di prepararli per l'intero viaggio, cosi che siano pronti a lottare fino alla fine del trattamento. Durante i training insegniamo ai volontari che ogni giorno è importante. Si incontrano bambini che non sono in buone condizioni, ma bisogna fare in modo che il loro giorno sia un ottimo giorno. E che domani si ancora meglio. Alcuni genitori vengono da noi per chiedere se possiamo insegnargli il nostro approccio. Siamo preparati a parlare con loro, aiutandoli a capire tutte le procedure. Alcuni genitori sono sotto shock, sconvolti. Cerchiamo di dirgli che se vogliono fare qualcosa per il loro bambino devono essere forti, il bambino deve vederli forti. Li aiutiamo anche a relazionarsi coi medici, come ottenere informazioni. Come gestire la situazione, passo dopo passo.

 

Piccoli passi, i piccoli momenti sono ciò che conta davvero.

 

A volte capita di lavorare con i bambini, di incoraggiarli, ma non ci rendiamo conto di quanto anche poche parole possano essere importanti. Vai a casa, fai le tue cose. Poi li incontri nel meeting dei sopravvissuti e ti dicono: “Ti ricordi di quella volta che mi hai detto che ce la potevo fare? E’stato così importante per me”. Il nostro nome è Little People non perché lavoriamo con i bambini, ma perché crediamo che uno può anche essere piccolo, ma può fare molto; essere appassionato e fare la propria parte nel mondo.

 

Maggiori informazioni su Little People: thelittlepeople.ro

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload