AN INITIATIVE OF 

EXCHANGE THE WORLD

Questo è quello che vogliamo

Iniziativa: GOOD FOOD COMMUNITY

Città: Manila

Stato: Filippine

-

Sono cresciuta a Manila, nelle Filippine, cinese di terza generazione - dice Charlene Tan, fondatrice di Good Food Community. Sono andata in scuole private senza avere alcun tipo di contatto con così tanti filippini ... Ad un certo punto mi sono resa conto che viviamo in mondi diversi che si opprimono a vicenda, la relazione è semplicemente oppressiva. Volevo cambiare qualcosa, mi sono unita ad una ONG legata all'agricoltura e ho scoperto l'idea di acquistare cibo direttamente dai contadini. L'ho trovata geniale: vivrei meglio e anche gli agricoltori ne trarrebbero beneficio. Ho buttato li l'idea ai miei amici, abbiamo creato un business plan e quando abbiamo ottenuto i soldi è stato tipo ... ehm, ora dobbiamo farlo. Siamo partiti ufficialmente nel 2011. Eravamo in 12 e avevamo molti punti di vista diversi. Alcuni di noi volevano essere senza scopo di lucro, altri un’impresa o una cooperativa. Dopo molte discussioni su come saremmo stati più efficaci e su come adattare l'idea al contesto locale, abbiamo deciso di registrarci come business. Dopo il primo anno il mio gruppo si è stancato. Per essere onesti, devo dire che avevano tutti un lavoro a tempo pieno, ero l'unica che ha lasciato un altro lavoro per mettere tutta la mia energia in questo progetto. E, ovviamente, non è stato così semplice come pensavamo ...

 

La sfida più grande è stata lavorare allo stesso tempo con persone completamente diverse.

 

Dobbiamo confrontarci con gruppi così diversi. Innanzi tutto gli agricoltori, che all'inizio non sapevano come costruire relazioni, cosa vuol dire creare una filiera o avere standard biologici o come stare sul mercato. Parlano anche una lingua diversa. Ho una maniera di vedere e pensare il mondo: giustizia sociale, sostenibilità, impresa sociale, risultati ... Ma quando parlo con gli agricoltori devo capire che lingua parlano e adattarmi ad essa. Essere aperta al loro mondo, al loro modo di pensare e al loro atteggiamento.

 

Il secondo gruppo con cui lavoriamo sono i consumatori e le comunità urbane. Dobbiamo educarli a cucinare diverse verdure e ad essere flessibili con ciò che ricevono dagli agricoltori invece di seguire rigorosamente una ricetta. La regola numero uno è prenderla come viene, non controllare ogni passo e apprezzare ciò che la natura ti dà. Insegniamo ai consumatori a essere più consapevoli, soddisfatti di ciò che hanno senza volere sempre di più.

 

Il consumo responsabile è un obiettivo importante, ma non l'unico.

 

Il mio sogno è quello di cambiare il modo in cui ci relazioniamo l'un l'altro, trasformare l'agricoltura in relazione. Come fare? Quando incontriamo persone che vivono in un modo differente e vediamo che è possibile possiamo iniziare a pensare che sia possibile vivere diversamente. E trattare le altre persone in modo diverso. Ed è così che nascono amicizie e comunità.

 

L'amicizia e il senso di comunità sono ciò che spinge Charlene ad andare avanti.

 

Abbiamo circa 60 agricoltori che collaborano con noi a diversi livelli. Sono di tre comunità e questo significa background diversi, strategie diverse. Quando abbiamo iniziato non avevamo uno schema, fondamentalmente non sapevamo veramente cosa stavamo facendo. Avevo una visione di quanto sarebbe stato bello se avessimo verdure direttamente dai contadini e le condividessimo, creando comunità. Non sarebbe bello? Cinque anni dopo, due crisi più tardi ... ci sono momenti con gli agricoltori, impacchettando verdure, parlando, condividendo una visione comune ... e tutto sommato questo è ciò che vogliamo, il succo di questa iniziativa.

Maggiori informazioni su Good Food Community: goodfoodcommunity.com

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload