AN INITIATIVE OF 

EXCHANGE THE WORLD

Allenati ad aiutare

Allenati ad aiutare

BROCCOLI REVOLUTION

Bangkok | Thailand

-

Abbiamo incontrato Saks durante un evento di imprenditoria sociale organizzato a Bangkok. La sua energia ha attirato la nostra attenzione fin dall'inizio, cosi gli abbiamo chiesto un intervista. Ci ha invitati al suo ristorante, Broccoli Revolution, per il giorno dopo.

 

Quando ero piccolo mia madre mi diceva: “Devi aiutare le altre persone” - racconta Saks Rouypirom, gestore di Broccoli Revolution -. Ho pensato: “Se voglio aiutare le persone, dovrei diventare un dottore”. Cosi mi sono iscritto a medicina. Ma durante gli studi ho capito che non fa per me. Mi piacciono cose diverse: l’arte, il cibo, questo è il numero uno. Ho finito i miei studi comunque, ho studiato in America. Poi ho iniziato a pensare: “Magari torno in Tailandia e apro un’organizzazione benefica”. In Tailandia c'è ancora molta povertà, molti bambini che hanno bisogno di aiuto. Sono tornato e ho creato la fondazione Sati. E’stato 5 anni fa. Ci siamo concentrati sulla medicina preventiva, sull'educazione all’igiene, per un'alimentazione sana. Organizziamo anche programmi di creatività, insegniamo ai bambini come pensare fuori dagli schemi, come meditare, disegnare … tante cose. Supportiamo le famiglie povere, mostriamo loro che i loro figli possono diventare qualcuno. Insegniamo loro a sognare. Diamo anche borse di studio per bambini, in modo che possano continuare a studiare. Uno dei nostri beneficiari è un ragazzo dodicenne di una tribù. È nato con l'HIV. Quando l'ho incontrato era alle medie. Il suo insegnante mi disse che studiava molto, che veniva ogni giorno con le sue pillole; poi, dopo la scuola, andava ad aiutare i suoi genitori nella fattoria e quando erano malati li portava in moto due ore su per la montagna. Un ragazzo cosi piccolo. L'ho visto e ho guardato i suoi occhi. Sebbene abbia solo 12 anni è molto esperto. Così forte. Questo ragazzo dovrebbe essere la persona di maggior successo al mondo. Ma potrebbe non esserlo, solo perché è nato in queste circostanze. È nato con una malattia, senza soldi. Ciò nonostante, è in grado di farcela. Pensiamo a noi stessi: abbiamo molto di più, che scusa abbiamo per non avere successo? Non aiutare gli altri? Non cercare di essere una persona migliore? Lui è la mia ispirazione. Uno così piccolo, con così tante cose brutte che gli sono successe, eppure così forte. Vogliamo supportare persone del genere, offrire loro opportunità, far si che raggiungano i propri traguardi.

 

Ma per quello c’è bisogno anche di soldi.

 

Non mi piace il modello tradizionale di beneficenza. Non è sostenibile. Abbiamo iniziato a fare diversi progetti per vedere come potevamo raccogliere fondi. Abbiamo fatto delle aste con artisti locali, hanno donato delle foto e abbiamo usato i soldi ricavati per beneficenza. Abbiamo organizzato eventi con sponsor, hanno donato parte dei ricavi dei biglietti. Abbiamo fatto cene con chef che hanno cucinato con prodotti locali. Alla fine, con il mio partner, abbiamo iniziato a pensare a qualcosa di più stabile. “Mettiamo su un ristorante? Ci piace mangiare e ci piace mangiare biologico”.

 

Broccoli Revolution ha aperto 10 mesi fa. Ed è già sostenibile.

 

Abbiamo problemi normali come ogni azienda o ogni persona. Ma finora va abbastanza bene. Anche se non molte persone ancora hanno capito il nostro concetto, è nuovo: un impresa sociale che vende cibo vegano. La maggior parte delle persone vengono perché sono curiose. E questo è il primo passo, fargli scoprire che i sapori vegani sono come il cibo normale. Poi iniziano a notare che meno carne può farli sentire meglio. Non ci piace vendere in maniera aggressiva. Ci limitiamo ad essere accessibili e semplici.

 

Con questo approccio riescono effettivamente a costruire una comunità.

 

Abbiamo molti clienti abituali, abbiamo un’ottima risposta da parte loro. In definitiva, vogliamo essere come una famiglia: crescere per noi significa crescere come comunità. Questo edificio ha altri due piani. Nel secondo piano vogliamo aprire una galleria d'arte sociale. Inoltre, volgiamo organizzare diversi workshop, ad esempio uno studio di ceramica. All'ultimo piano faremo un orto. Sarà una sorta di centro focalizzato sullo stile di vita. In effetti, il mangiare è uno stile di vita. Ciò che metti nel tuo corpo è parte della tua vita.

 

A Broccoli Revolution non mangi solo cibi vegani, ma anche alimenti biologici, prodotti nel nord della Thailandia.

 

I nostri prodotti provengono principalmente da Chiang Mai e Chiang Rai, li è più fresco e più facile coltivare. Voglio anche lavorare con le scuole delle tribù. Abbiamo appena iniziato, ma se funziona, voglio che le scuole coltivino verdure, cosi possiamo comprarle e loro possono avere un reddito. Useremo i loro prodotti nel ristorante, in più possiamo venderle ai nostri clienti e mandargli i proventi. Non basta insegnargli come coltivare verdure, è necessario fornire un canale, un’opportunità di vendita. Cerchiamo di chiudere il cerchio.

 

Ma essere in grado di chiudere il cerchio richiede collaborazione.

 

Se ti impegni nel sociale devi essere di mentalità aperta e pronto a collaborare. Molte aziende cercano di bloccare i concorrenti, cosi possono crescere. Ma per noi si tratta di avere una mentalità aperta e collaborativa, trovare imprese affini, persone sulla stessa lunghezza d’onda e crescere insieme. Viviamo tutti insieme, viviamo nello stesso mondo. Abbiamo problemi in questo mondo e non sono problemi tedeschi o problemi thailandesi, sono i nostri problemi. Nel momento in cui realizziamo di condividere gli stessi problemi possiamo anche capire che dobbiamo trovare soluzioni condivise. E se non sai come iniziare ... apri gli occhi. Sii presente in ogni momento. Guardati intorno. Sii consapevole. Questo è per me il modo migliore per trovare e risolvere i problemi. Ci sono difficoltà ovunque, ma ci concentriamo troppo su noi stessi.

 

Concentrarsi su qualcosa che va oltre noi stessi dovrebbe diventare la nostra abitudine.

 

Aiutare le persone non deve essere qualcosa di strano. È come allenarsi. La gente sa che deve fare esercizio; molti, però, sono troppo pigri per farlo. Ma una volta che iniziano si sentono meglio, vogliono farlo regolarmente, se non lo fanno gi manca qualcosa. Lo stesso capita nell’impegno sociale. Non dovrebbe essere per il tuo compleanno o qualcosa di speciale, può essere parte della tua quotidianità. Non c'è nessun superman, una singola persona che salva tutto il mondo. Sta ad ognuno di noi fare la sua parte. Sta alla gente rendersi conto che può fare la differenza. Posso aiutare questo ragazzo di strada e forse questo ragazzo ne aiuterà altri 10. Quando le persone comprendono questa connessione, si rendono conto che possono davvero realizzare qualcosa di importante.

Maggiori informazioni su Broccoli Revolution: broccolirevolution.com 

 

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload